sabato 25 luglio 2015

Friselle







































Dalla Puglia con furore! Santa Frisella e Santo Pomodoro. Pregate per noi!
Senza di loro cosa avrei fatto? Hanno salvato parecchi pranzi e cene quest'anno. 
Non è una vera ricetta? Avrei almeno dovuto produrre da me le frise...ma tutto nun se po' fa' e comunque ci lavorerò. 
Perchè quando la calura assale, eccetto pazzie da accensione forno molto rade, cala sia la voglia di mettersi ai fornelli, sia di dover pensare a cosa mangiare. 
Ma che idiozia quando con poche cose fresche e buone si accontenta caldo, portafoglio e palato.
Non molto altro da aggiungere...le cose semplici parlano da sole.

Ingredienti:
  • friselle
  • pomodori ciliegini
  • olio evo
  • aceto di mele
  • basilico e fiori
  • sale e pepe
Immergere le friselle in acqua per qualche minuto in modo da ammorbidirle. Disponetele su un piatto e spruzzatele con un po' di aceto. Lavate bene i pomodorini e tagliateli a piccoli pezzi. Condite le friselle con i pomodorini, sale, pepe, basilico fresco e buon olio extra vergine di oliva.
(p.s.: ho omesso le acciughe, tipiche nella versione pugliese e aggiunto l'aceto che trovo gli dia ancor maggior freschezza)


2 commenti:

  1. E se mancano le friselle (in dispensa non si può avere tutto!!), una fetta di pane casereccio tostata in forno e, per venire incontro ai gusti di mio marito, un'acciuga per insaporire i pomodori e una birra fresca...
    Buona estate!
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente pane e pomodoro tutta la vita!!! Chi si accontenta di poco (poco?), gode! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...