domenica 22 dicembre 2013

Bianco Natale







































"...I’m dreaming of a white Christmas
With every Christmas card I write
May your days be merry and bright
And may all your Christmases be white."

No non mi è venuta la fregola da post, ma A) dopo mesi di trambusti ora per un paio di settimane mi godo la tranquillità da vacanza e B) se non approfitto ora per mostrarvi le quintalate di foto e idee prodotte in anni di tavole addobbate, quando?
Quindi ecco qua un secondo post su tavole e affini iniziato in treno ieri e finito a Verona oggi. 
Il tempo di venire giustamente rimpinzata come un tacchino al pranzo domenicale della nonna (bisogna pur allenarsi per non trovarsi imprepararti al pranzo di Natale!) e di godermi per un po' il calduccio d'un camino acceso, ed eccomi qui a ripescare tra "gli spiriti dei Natali passati".

Tra le poche regole per una buona apparecchiatura che mi sono state impartite, il temutissimo posizionamento delle posate occupa sempre un posto fondamentale.
Diventasse difficile ricordarsi il classico "forchetta a sinistra e cucchiaio e coltello a destra", la semplice dritta di posizionare le posate dall'esterno verso l'interno rispetto all'ordine di utilizzo rimane un must (a testimoniare che "Pretty Woman" e una media cultura cinematografica possono aiutare chiunque).
Bicchieri d'acqua e vino in alto a destra e lievemente sfalsati completano la più semplice delle mise en place.
Vero che nel precedente post ho sottolineato la bellezza del non ripetersi, ma se come me vi trovate a fare i conti tutti gli anni con la naturale impossibilità di rinnovare ogni anno il servizio della nonna, siate pragmatici e giocate di fantasia: una semplice passata di limone e zucchero sul bordo dei "soliti" bicchieri regala subito qualcosa di nuovo, senza contare che sono da anni profondamente convinta che se hanno scritto centinaia di volumi sull'arte di piegare i tovaglioli è proprio per correre in aiuto di gente squattrinata (io preferisco pensare "di buon senso economico") come la sottoscritta!
Lucidate l'argenteria o ricordatevi la bellezza di alcune vecchie posate della prozia (mai buttare nulla!). E verificate come sopra a dei tessuti di colori neutri anche l'accostamento di rami di verdi diversi siano già ottimi per comporre un centrotavola discreto ma elegante. Basterà la luce delle candele a scaldare il tutto.
Beandomi nel mood del bianco e delle tinte naturali, che rimangono sempre le mie preferite (a chi non piace un Bianco Natale?), sono solo un po' in ansia da creazione: che m'inventerò quest'anno?...E voi avete già pensato come sarà la vostra tavola?

* * *































4 commenti:

  1. Vado subito ad inserire le tue ricette. Grazie per la tua partecipazione e tanti auguri di buon Natale :-) Queste foto sono splendide!! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite Cinzia!!! A presto. Un dolce Natale

      Elimina
  2. Per me tanto rosso quest'anno in tavola e nelle decorazioni: agrifoglio e bacche varie sono qui a portata di mano, un po' in giardino un po' nel bosco a km (e soprattutto) a costo zero! E poi candeline che hanno trovato casa nei vasetti vuoti della marmellata. vestiti a festa con un bel nastro (rosso....)
    Buon Natale e a presto!
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon Natale anche a te Claudette...buono e rossissimo ;) un abbraccio

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...